Odontoiatria del Futuro, Spunti con Metodo

Come essere uno studio odontoiatrico moderno in 5 punti. Esci dalla massa degli studi dentistici che gli Italiani evitano!

Tempo di lettura: 4 minuti

Io non faccio testo, sono un “cliente odontoiatrico anomalo”.

La mia fortuna è stata quella venire educato alle cure odontoiatriche fin da bambino. E vado dal dentista 3 volte l’anno. Non ho avuto genitori odontoiatri né odontotecnici né legati in alcun modo al settore dentale; ho semplicemente avuto genitori che hanno sofferto la mancanza delle cure dentistiche e che hanno saggiamente deciso di evitarmi tale sofferenza: ho avuto genitori responsabili.

Prima di spiegarti in 5 punti come essere uno studio odontoiatrico moderno voglio fare un parallelo fra due concetti che in comune hanno solo la necessità del buonsenso.

DEVI FARE QUALCOSA DI MEGLIO

L’ odontoiatra ha il primato della tipologia di cura per cui i cittadini rinunciano
Il 23% del campione intervistato ha ammesso di aver rinunciato (12,1%) o rinviato (10,9%) le cure

fonte: odontoiatria33.it

Facciamo finta che il dato riportato nella citazione qui sopra non abbia nessun valore, comunque io mi sento di consigliarti di fare uno sforzo in più se vuoi essere uno studio odontoiatrico moderno dove i pazienti si sentono a proprio agio, un ambiente che non lascerebbero per un altro dentista. Come fare? Fra poco te lo dico, non è poi così complicato da fare.

Concetto #1

Quante volete e in entrambi gli ambiti (professionale e privato) ti hanno detto “Con questo ti semplifichi la vita!”?

E quanto presto hai imparato a diffidare da una tale affermazione, soprattuto se te la fa un commerciale che deve venderti qualcosa?

Concetto #2

Oggigiorno, abbiamo molti mezzi (per lo più tecnologici) che ci permettono di fare molte cose diverse fra loro.
Sbaglio se dico che oggi, diversamente da ieri, le cose risultano alla portata di tutti e che tutti partono da un più o meno simile punto di partenza per scalare professionalmente all’interno della società grazie al fatto che riescono a migliorare più rapidamente?

Il Buonsenso

Per essere uno studio odontoiatrico moderno serve innanzitutto il buonsenso, lo stesso buonsenso che applichi nel tuo lavoro va applicato alla gestione del tuo studio dentistico.
Ma analizziamo, con buonsenso, le due domande appena esposte.

Sicuramente oggi i commerciali del settore dentale dispongono di prodotti e mezzi migliori rispetto a ieri, mi pare ovvio; ma parte del “concetto numero 2” divora il tuo tempo e gran parte delle tue giornate per apprendere e concentrarti su cose che apparentemente risultano una complicazione (ad esempio la chirurgia guidata).
Oppure, prendi la formazione che vuoi o devi fare: la puoi fare online o recarti di persona al corso (ce ne sono tutte le settimane), pensa anche a quante cose in più tendi a fare nello stesso lasso di tempo confronto a 20 anni fa. Ti ritrovi? Mi segui?

Usare prodotti moderni nell’epoca moderna è più complicato che andare a cambiare 200 Lire per un gettone per fare una telefonata. Perché fare le cose più velocemente, tende a fartene fare di più, mentre dover impiegare più tempo per farne una tende ovviamente a farti concentrare maggiormente su quello che devi fare.

Ecco perché la strategia e l’organizzazione sono LA BIBBIA della nostra vita moderna… come devono essere il mantra se vuoi essere uno studio odontoiatrico moderno.

I 5 punti fondamentali essere uno studio odontoiatrico moderno

Poco fa ho detto che oggi, confronto a ieri, si tende (per molte ragioni) a fare più cose in un più breve lasso di tempo e, per quanto tu possa essere organizzato nel tuo lavoro e nella tua vita, ciò ti può portare stress o errori causati da poca concentrazione, nella peggiore delle ipotesi gli errori che commetti poi ti procurano stress. NON SEI UN ROBOT.

REGOLA #1 >>> DIFFERENZIATI

non vuol dire vestiti strano, parla strano. Ogni benedetto studio dentistico offre le stesse identiche cure. Io scrivo fiumi intorno ad un semplice concetto che oggi potremmo per assurdo dire essere divenuto rivoluzionario: focalizzarsi sulla garanzia del salvare denti.

REGOLA #2 >>> SEMPLIFICA

attenzione qui. Semplificare non è come dire “Mi faccio un piatto di pasta al pesto (già pronto) perché preparare Les Escargots en Coquille è più difficile”.
Il processo di semplificazione richiede un minimo di applicazione alla comprensione di COSA-VIENE-SEMPLIFICATO-COME e dal COME spesso parte una più o meno breve curva di apprendimento. Dopodiché la semplificazione è servita!

REGOLA #3 >>> L’AMBIENTE CONTA PIÙ DI OGNI TUA PAROLA

almeno all’inizio è così. Poi ovviamente ciò che comunichi al paziente fa tutta la differenza. Non si parla di imbiancare arredare cambiare i giornali in sala d’attesa (si da per scontato che tu lo faccia regolarmente). Intendo dire che nel tuo studio ci passi tutta la tua vita (o gran parte di essa); devi godere quando ci entri in quello studio e così deve essere per i tuoi pazienti. Studia il target di cui fanno parte i tuoi pazienti, i loro interessi. In una prima fase ti può essere utile sottoprogli questionari preposti alla ricerca di queste risposte mentre aspettano il loro turno in sala d’attesa. Dopodiché rendi l’attesa una sorta di “esperienza” che possono trovare solo da te. Ti sembra assurdo? Non lo è, l’attesa gioca un ruolo cruciale in uno studio dentistico.

REGOLA #4 >>> NON DEVI SBAGLIARE

Intendiamoci “Errare humanum est” ma quello che sono certo tu sappia bene è che “perseverare autem diabolicum“. La cementazione, la prova della corona, la presa del colore, la preparazione, lo sbiancamento, il trattamento parodontale… ecc. sono cose che devi fare bene una volta sola su tutti i tuoi pazienti: non sono cavie e, siccome i pazienti oggi hanno la capacità di scegliere in modo autonomo e più o meno informato di chi servirsi delle cure odontoiatriche, oggi i pazienti sono oltretutto tuoi clienti.

REGOLA #5 >>> NON SPRECARE IL TEMPO

L’errore più comune che spesso tutti facciamo è pensare che risparmiare il tempo nell’immediato ci faccia guadagnare di più: niente di più FALSO.
Usare una turbina perché si fa prima rispetto ad usare il manipolo anello rosso per te equivale probabilmente a risparmiare del tempo, non è quel tipo di risparmio di tempo che ti farà guadagnare di più, per nulla.
Perché secondo te i migliori odontoiatri la turbina non la usano proprio?
Un esempio di “NON SPRECARE IL TEMPO”:
usare ancora per la presa del colore la scala VITA Classical A1-D4 significa realmente sprecare tempo. Se non lo capisci, non sarai mai uno studio moderno e all’avanguardia. Fai come ti pare.

Lontano da qualsiasi scopo commerciale “Il Libro Nero” ti aiuterà ad analizzare gli errori già commessi da gran parte del settore dentale e a cambiare in meglio il tuo lavoro. Richiedilo gratuitamente.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *